ALTE MAREE. SQUADRE PROT.CIVILE CHIAMATE PER METTERE IN SICUREZZA CHIESE DI VENEZIA E ISOLE

La direzione della Protezione Civile regionale ha accolto la richiesta del MIBACT Veneto che, attraverso l’attivazione dell’Unità di Crisi, sta raccogliendo informazioni per verificare lo stato di una serie di chiese del veneziano, dopo la nuova ondata di maltempo abbattutasi su città e sulle isole in questo periodo. L’UCCR-MIBACT sta lavorando a stretto contatto con gli uomini della direzione regionale della Protezione Civile per verificare lo stato di alcuni edifici religiosi colpiti dalle mareggiate e dall’acqua alta dell’ultima settimana. Obiettivo verificare la situazione, monitorare i danni e valutare come è possibile la messa in sicurezza degli edifici, considerando che domenica è attesa una marea fuori nome (1.60). Una squadra della Protezione Civile di Venezia ha gia’ effettuato un intervento nella chiesta di Murano, mentre gli uomini della Protezione Civile regionale stanno verificando le condizioni per mettere in sicurezza la cripta ed il battistero della basilica di Torcello e la chiesa di San Moisè a Venezia. Ma l’elenco degli edifici interessati dalle verifiche è in costante aggiornamento. Sojo previsti controlli ad alcuni campanili. “Si tratta della prima volta che viene attivata questa collaborazione sul campo – spiega l’assessore regionale alla Protezione Civile Gianpaolo Bottacin – una prima esperienza sperimentale era stata effettuata lo scorso anno nell’ambito dell’esercitazione europea Neiflex, che ha visto impegnati più enti per simulare scenari alluvionali e mettere a punto il sistema di intervento. In questi giorni stiamo attuando in concreto quanto appreso. A dimostrazione che le esercitazioni sono strumenti essenziali per attivare collaborazioni che, in momenti di emergenza, diventano fondamentali.”(foto arch.Avvenire.)

Lascia una risposta