EDIZIONE 2017 CONCORSO ECONOMIA SU “LA SALUTE DISUGUALE”. PARTECIPAZIONE ENTRO 15 FEBBRAIO

Il 15 febbraio è la data ultima per partecipare al concorso EconoMia, organizzato dal comitato promotore del Festival dell’Economia con la collaborazione del MIUR – Direzione generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica, Istituto Tecnico Economico “Bodoni” di Parma, AEEE-Italia.
L’iniziativa è rivolta agli studenti delle ultime due classi di tutte le scuole secondarie superiori, licei, istituti tecnici e professionali e dell’ultimo anno dell’Istruzione e Formazione professionale. Il contenuto del Concorso è collegato al Tema prescelto per l’edizione 2017: “La salute disuguale”; in palio, per 20 studenti, il soggiorno gratuito a Trento durante la manifestazione ed una somma di 200 euro. Potranno partecipare al bando al massimo 15 studenti di ogni scuola, scelti a insindacabile giudizio della scuola stessa in base all’interesse e alla preparazione dimostrata dagli allievi sugli argomenti economici. Il numero minimo di studenti partecipanti per ogni scuola è di 2. In che cosa c0nsiste il concorso? Nella partecipazione da parte degli studenti a una prova (item a risposta chiusa o aperta univoca più saggio breve) finalizzata a valutare le competenze acquisite con lo studio dei materiali e le iniziative messe a disposizione delle scuole da parte del Comitato promotore. La premiazione avrà luogo all’interno del programma dell’edizione 2017 del Festival dell’Economia di Trento. Il MIUR ha confermato EconoMia, per l’anno scolastico 2016-17, tra le competizioni del Programma nazionale per la promozione delle eccellenze. Con questo importante riconoscimento alla gara che da quattro anni vede cimentarsi centinaia di studenti sui temi proposti dal Festival dell’Economia di Trento, i migliori piazzati tra i vincitori, oltre al soggiorno a Trento nei giorni del Festival e all’assegno di 200 euro, riceveranno un ulteriore premio da parte del Ministero e la possibilità di essere inseriti nell’Albo nazionale delle eccellenze.

Lascia una risposta