SEMINARIO ITALIA-RUSSIA A SISTIANA DI TRIESTE

Infrastrutture, cantieristica e turismo: sono i temi principali trattati in occasione del semiario Italia-Russia che si è svolto nella  sala Neptunia Falisia Resort di Portopiccolo, a Sistiana (Trieste) ed organizzato dall’Associazione Conoscere Eurasia, in collaborazione con il Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo Spiev, la Fondazione Roscongress, il Centro Culturale Veritas, con il sostegno del Gruppo Intesa Sanpaolo e di Banca Intesa Russia (foto Sistiana,turismo FVG). Fra gli interventi quelli dell’ambasciatore della Federazione Russa in Italia Segey Razov; Giuseppe Bono, amministratore delegato Fincantieri; Giampietro Benedetti, presidente del gruppo friulano Danieli; Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale; Antonio Marano, presidente dell’Aeroporto del Friuli Venezia Giulia, e altri esponenti del mondo eco-finanziario.  Ai lavori ha preso la parola Massimo Fanuzzi della Divisione Corporate & Investiment Banking di Intesa San Paolo. Egli ha affermato  “il ruolo di Intesa Sanpaolo a supporto dello sviluppo dei rapporti d’interscambio tra i due Paesi è duplice: sia per l’export dei player italiani sia a sostegno delle imprese russe interessate ad investire in Italia”. Per quanto riguarda le esportazioni, il manager ha ricordato “il recente caso di successo sul mercato russo per il progetto da 27 miliardi di euro, Yamal, dove Intesa Sanpaolo, insieme con Sace e Coface, ha supportato l’azienda Nuovo Pignone e altri 20 sub-contractor al fine di costruire l’impianto di liquefazione della Penisola di Jamal. Un progetto strategico per la Russia e per tutto il sistema energetico mondiale visto che il gas arriva in Europa, Gran Bretagna e anche in Cina”. Sull’altro versante, invece, “Intesa Sanpaolo ha una conoscenza senza paragoni del tessuto industriale italiano tale da poter offrire ai player russi interessati a investire nel Paese, know-how e competenze di screening per individuare opportunita’ di investimento. A tutto questo si aggiunge – ha concluso Fanuzzi – la nostra presenza a Mosca con BankIntesa Russia, destinata ad aiutare imprenditori italiani ed europei interessati a rafforzarsi nel Paese”.

Lascia una risposta