TURISMO. SALONE DELL’ACCOGLIENZA A RIVA DEL GARDA

A Riva del Garda  in corso 4 giornate dell’Hospitality Digital Space, l’edizione eccezionale di Hospitality-Il Salone dell’Accoglienza, dal primo al 4 febbraio in live streaming. Il Presidente di Riva del Garda Fierecongressi, Roberto Pellegrini, ha ricordato come la pandemia abbia accelerato il processo di digitalizzazione delle fiere, con cambiamenti radicali nei format. “Grazie al digitale, a piattaforme altamente tecnologiche, è possibile amplificare e rafforzare il valore della manifestazione fisica e mantenere viva l’attenzione di espositori e visitatori tutto l’anno. Questa edizione speciale di Hospitality rappresenta -come sostenuto nella prima gio0rnata dri lavori ‘- un’anteprima delle fiere del futuro, una sorta di fiera permanente che culminerà poi il prossimo anno con l’evento in presenza. Hospitality Digital Space conferma il ruolo fondamentale della nostra fiera quale hub di tendenze e formazione e il nostro impegno nei confronti degli operatori del settore. Già leader a livello nazionale, come confermano i numeri della scorsa edizione che hanno visto la partecipazione di circa 600 aziende e 30 mila operatori professionali, ora attraverso anche alla tecnologia puntiamo a far diventare Hospitality un evento di portata internazionale che darà il proprio contributo al business dell’ospitalità e del turismo”. “Questa special edition segna l’inizio di un lungo percorso di evoluzione che abbiamo pensato per fornire a tutti i professionisti dell’Ho.Re.Ca. nuove forme di networking, formazione e condivisione di contenuti anche in questo particolare momento complesso – ha sottolineato Alessandra Albarelli, Direttrice Generale di r Fierecongressi. –  Hospitality Digital Space vuole essere un modo per stare vicino agli operatori dell’Ho.Re.Ca., ma anche un’occasione per invitarli a ripensare con creatività e flessibilità gli spazi e i servizi che caratterizzeranno le strutture ricettive di domani”. 0Albarelli ha inoltre ringraziato tutti gli espositori, veri e propri partner di questa edizione, che hanno scelto di investire in questo innovativo evento, dimostrando attenzione “etica” ad un settore in grande difficoltà. L’ass.provinciale al turismo Roberto Failoni ha parlato di coraggio e risolutezza, in questo momento di particolare difficoltà, nell’aver saputo dare messaggi positivi –con questa fiera, appuntamento fisso da oltre vent’anni, rappresenta una grande opportunità grazie allo straordinario calendario di eventi e appuntamenti che avete saputo mettere in campo e che consentiranno ad imprese, operatori, pubblici esercizi di incontrarsi, seppur virtualmente, e di partecipare”. Failoni ha sostenuto pure che il settore merita la rinascita: “Abbiamo proposto alcuni mesi fa due bandi per stimolare ulteriormente i settori del ricettivo, del commercio e dei servizi, attualmente sono oltre 150 le domande presentate e questo ci dimostra che il Trentino – ha concluso  – anche in questo momento particolarmente difficile, sa mettere in campo capacità di investire e ha una grande volontà di non fermarsi, di andare avanti. Il sistema trentino c’è”. Tra gli intervenuti anche Enzo Bassetti, Vice-presidente Unione Albergatori del Trentino (UNAT), e Alberto Bertolini, Vice-presidente Associazione Albergatori ed Imprese Turistiche della Provincia di Trento (ASAT), che hanno sottolineato le difficoltà del settore – tra i più colpiti dalla crisi pandemica – ricordando che oltre all’indispensabile supporto economico, sono indispensabili momenti di confronto e formazione, come quelli offerti da Hospitality Digital Space.(ph arch.).

Lascia una risposta