LAVORO. DA REGIONE VENETO 6 MLN EURO PER INSERIMENTO DISOCCUPATI DI LUNGA DURATA E OVER 50

Sei milioni di euro(a valere nel biennio 2018-20) anti-povertà per sostenere progetti integrati di partenariato tra enti, finalizzati a creare percorsi e opportunità di lavoro per chi un lavoro non ce l’ha più ed è a rischio. E’ questo l’obiettivo del provvedimento approvato dalla Giunta regionale del Veneto per l’inclusione sociale e l’inserimento lavorativo di disoccupati di lunga durata, in particolare gli ultra cinquantenni a bassa qualifica e con reddito minimo o che percepiscono il Rei, il reddito minimo di inserimento. Dall’inizio della sperimentazione, avvenuta nel corso della programmazione FSE 2007-2013, sono stati finanziati complessivamente 25 progetti per un totale di circa 17 milioni che hanno visto il coinvolgimento di 2.293 partner di cui 416 Comuni e unioni di Comuni e 1.311 aziende. I soggetti svantaggiati coinvolti sono stati circa 2.500. (photo Caritas su persone in povertà). “Si tratta di azioni integrate di coesione territoriale che il Veneto ha collaudato, incentivando il connubio tra la responsabilità sociale di impresa e la capacità dei territori di fare squadra – dichiara l’assessore Elena Donazzan – Enti di formazione, amministrazioni comunali, fondazioni bancarie, cooperative sociali, aziende sanitarie e realtà profit e non profit dei diversi territori provinciali uniscono le forze e le risorse e creano progetti di partenariato che offrono una opportunità di formazione e di lavoro a disoccupati di lunga durata. La Regione contribuisce, attingendo alle risorse del Fondo sociale europeo per l’inclusione sociale. I sette progetti che andremo a finanziare (uno per provincia) potranno prevedere – ha anticipato Donazzan – tirocini lavorativi, progetti di formazione e di ri-orientamento che accompagnino ad una vera occupazione, idee di autoimprenditorialità, servizi alle imprese per aiutarle ad assumere persone disabili, borse di lavoro per occupazioni socialmente utili: i progetti territoriali saranno misurati sulla base dei costi-standard e valutati per la loro ricaduta occupazionale e sociale. L’obiettivo è offrire dignità e lavoro ai disoccupati senza reddito, superando il mero contributo assistenziale e stimolando percorsi personali e sociali di promozione e di responsabilità”.

Lascia una risposta