CORONAVIRUS. VENETO CHIEDE DOVE STA L’EUROPA?

L’assessore allo sviluppo economico della Regione del Veneto interviene sulla vicenda coronavirus, in particolare per quanto riguarda le ripercussioni sul mondo delle imprese e dell’economia, e punta il dito verso l’Europa. “Sono sempre più sconcertato sull’assordante silenzio dell’Unione europea – sottolinea – pare che solo l’Italia stia vivendo la crisi del coronavirus, quando Spagna, Francia, Germania stanno subendo anche loro il contagio, ma non mi sembra con le stesse conseguenze che stanno passando i nostri imprenditori, artigiani e i nostri esercizi commerciali”. “La crisi sanitaria c’è e va affrontata con razionalità – prosegue l’assessore – mi aspetto che il Governo difenda il nostro brand, il nostro turismo, il nostro export. Il danno di immagine è terribile, ma non solo. Se non riprenderemo presto la vita di tutti i giorni sarà difficilissimo dover affrontare un’emergenza economica che riguarderà tutti i settori produttivi. Spero di sbagliarmi, ma al di là delle doverose misure moratorie verso le zone rosse, non ho sentito di piani di emergenza per iniettare risorse nel sistema produttivo, o decreti d’urgenza per salvaguardare le nostre imprese”. “Il Veneto, con Lombardia ed Emilia-Romagna, è il caposaldo del PIL nazionale, – conclude l’assessore regionale allo sviluppo economico – se non aiutiamo il Veneto, non aiutiamo l’Italia. Questo lo deve capire il Governo, ma lo deve capire anche l’Europa. Siamo uno dei sistemi manifatturieri più importanti del continente, c’è un dovere e una responsabilità anche nei nostri confronti”. Da registrare una iniziativa da Bruxelles: ha invitato gli europarlamentari di Veneto, Lombardia,Emilia Romagna e Piemonte a non andare per 14 giorni ai lavori Ue.Pronta una risposta del presidente del Veneto: Europa vergognosa ci tratta da appestati.

Lascia una risposta