CORONAVIRUS. A VENEZIA CHIUSO IN ANTICIPO IL CARNEVALE

Casi di coronavirus anche a Venezia e provincia. Per arginare il fenomeno epidemico, per quanto possibile, e’stato provveduto a chiudere il Carnevale con 2 gg. di anticipo. Lo ha deciso il presidente del Veneto, d’intesa con le disposizioni urgenti del  ministro della salute. Come da protocoĺlo per i territori (Lombardia e Veneto e altre zone dove si e’manifestato il virus, con decessi di persone e un alto numero di infettati)  sono state decise le chiusure di universita”, scuole e aboliti pure convegni e altre riunioni pubbliche e private.  Questo dal 24 febb. al primo marzo. Qualora la situazione sanitaria dovesse peggiorare (visto che non esiste un vaccino) le autorita’competenti saranno obbligate a diramare nuovi limiti coinvolgento le forze dell’ordine.  Anche il Patriarcato ha invitato i parroci della Diocesi a non celebrare le S.Messe fino al primo marzo. Tra le cerimonie sospese cade pure il mercoledi’delle Ceneri e le prime penitenziali Via Crucis. Le chiese comunque saranno aperte ai fedeli per visite non di gruppo. Il Patriarca ha invitato a pregare nelle case, mettendosi in collegamento con radio e tv cattoliche. (ph arch.Ansa e media).

Lascia una risposta