PROGETTO EUROPEO I-SCOPE: “INFORMATICA TRENTINA” COSTRUIRA’ LA CITTA’ INTELLIGENTE

Stampa articolo Stampa articolo

sede informatica trentina

A si è riunito giorni fa il per fissare le linee guida e iniziare lo sviluppo dei servizi per “smart cities” (Città Intelligenti), “basati – come ha sottolineato Raffaele De Amicis, direttore della Fondazione Graphitech – su modelli tridimensionali interoperabili su urbana”. Il progetto i-SCOPE “Interoperable services through an for urban Ecosystems”, è cofinanziato dalla nell’ambito del Programma ICT-PSP (Competitiveness and Innovation framework programme – Policy Support Programme) e prevede di sviluppare e convalidare modelli tridimensionali in grado di concorrere alla migliore gestione delle città del futuro e quindi città intelligenti, guidate dagli uomini e integrate dalla tecnologia. A quest’ultima è chiesto di dare una mano a gestire i grandi problemi urbani: viabilità, ambiente, integrazione sociale e servizi al cittadino. E’ in questa che è nato il progetto “i-SCOPE”, finanziato dalla Comunità europea per oltre 4 milioni di euro ed affidato alla Fondazione Graphitech, e che vede tra i partner Informatica Trentina. . ”I modelli urbani tridimensionali – ha sostenuto De Amicis – sono fondamentali per sviluppare servizi web nel contesto delle smart cities”. Secondo i promotori del progetto, le pubbliche amministrazioni locali avranno dei benefici diretti sui processi decisionali in molteplici ambiti: dalla alla gestione dei servizi pubblici, dalla protezione dell’ambiente al monitoraggio del consumo energetico. Inoltre le “small cities” potranno promuovere l’inclusione sociale di vari gruppi di utenti – ad esempio, cittadini anziani e diversamente abili – attraverso servizi e tecnologie in grado di identificare le barriere architettoniche e di proporre percorsi alternativi, oltre a coinvolgere su larga scala i cittadini in attività di interesse pubblico attraverso servizi di localizzazione degli utenti.  ”In – ha precisato , Amministratore delegato di Cefriel, altro partner del progetto – una “smart city” “è un luogo dove si può creare, condividere ed elaborare delle informazioni che rendono migliore la vita dei cittadini e delle imprese”. L’obiettivo di i-SCOPE è quello di fornire, attraverso una piattaforma aperta, servizi intelligenti in tre diversi ambiti applicativi al fine di migliorare l’inclusione e la mobilità di cittadini ipo-vedenti e diversamente abili grazie a servizi in grado di fornire informazioni su percorsi alternativi ottimali: Altre finalità sono:  ottimizzare il consumo energetico attraverso servizi in grado di fornire una precisa valutazione della dispersione e dell’eventuale sfruttamento del potenziale solare a livello di singolo edificio e realizzare un monitoraggio ambientale attraverso servizi di mappatura delle aree più esposte a fonti d’inquinamento acustico sulla base dei dati forniti direttamente dal cittadino che opera come un “sensore” attraverso il proprio smartphone. Tutto questo richiederà lo sviluppo di tecnologie per la gestione delle informazioni provenienti dal tracciamento degli utenti in grado di garantire i più elevati standard in termini di sicurezza, protezione dei dati sensibili e privacy.



Comments are closed.

Video News