AZIENDA VENETA ANIMA NUOVO ECOMMERCE DI POSTALMARKET

Storeden, con sede a Villorba (Treviso) è diventata il modello di riferimento nell’ecommerce in cloud,  e questa start up domina a livello nazionale e si è già aperta al mercato europeo. L’anno della pandemia ha accelerato le vendite on line e Storeden ha registrato numeri senza precedenti. Rispetto al 2019, infatti, il volume delle vendite on line sulle piattaforme del gruppo è cresciuto del 234%. Già prima della pandemia il 4% dei siti e-commerce italiani si muoveva su piattaforma Storeden (fonte: rapporto ecommerce 2020 di Casaleggio Associati). Un dato enorme. La tecnologia made in Italy e il modello di business di Storeden convincono sempre più i clienti: sono ad oggi oltre 3.000 gli ecommerce che utilizzano il software di Storeden; ciò ha portato a visitare i siti costruiti con il loro codice milioni di volte. Ma il 2020 in Storeden non sarà ricordato solo per i record di fatturato e la crescita aziendale. L’azienda ha reso noto di  aver acquisito un nuovo stabile diventerà headquarter unico, una sorta di cittadella dell’ecommerce con tanto di centro benessere. Sempre nel 2021 parte un altro progetto di portata colossale: Storeden sarà l’anima del nuovo ecommerce di Postalmarket. La tecnologia Made in italy è stata scelta per rilanciare il marchio storico, che è già tornato al centro dell’interesse e del gossip: Postalmarket come primo volto da copertina ha scelto quello di Diletta Leotta. “Con Storeden le aziende possono in pochi minuti realizzare un ecommerce professionale sincronizzato con i migliori marketplace, la piattaforma è  integrata con Amazon, Ebay, Facebook e Instagram, solo per citare alcune delle realtà più note”, ha spiegato Marco Orseoli, Partner Manager per il portale. “Una realtà, quella di Storeden, che si sviluppa anche grazie ad una rete di oltre 250 agenzie web tra le migliori in Italia, che hanno scelto di proporre la piattaforma ai propri clienti per supportare chi decide di utilizzare la soluzione con il marketing, ma anche con sviluppi personalizzati”.  (ph Orseoli/K comunication)

 

Lascia una risposta