ARTE. PRIMO WORKSHOP ONLINE DELLA GUGGENHEIM VENEZIA

Alice Pasquini, in arte Alicè, street artist, illustratrice e scenografa romana, e’ la protagonista del workshop “Oltre il muro: arte e contesto”, che si svolge interamente da remoto sulla piattaforma Zoom, nel corso di sei giornate tra il 20 e il 29 novembre, terza tappa del progetto SuperaMenti. Pratiche artistiche per un nuovo presente, ciclo di quattro laboratori gratuiti con cui la Collezione Peggy Guggenheim, insieme a Swatch Art Peace Hotel, dialoga con gli under 25. Si tratta della prima volta che il museo veneziano realizza un workshop completamente online, per mantenere vivo, oggi più che mai, il contatto con il suo pubblico, e con la generazione Z, a cui il progetto è rivolto. Come sempre, in preparazione alle giornate di lavoro, il laboratorio, gratuito, su prenotazione fino a esaurimento posti, sarà anticipato da due incontri aperti a tutti, sempre su Zoom, il 16 e 19 novembre dalle 17.45 alle 18.30.Partendo da una riflessione sulla trasformazione e il recupero urbano attraverso lo studio di diverse tecniche e la progettazione di una o più opere di arte pubblica, il workshop intende, in prima battuta, esaminare cosa significa “fare” street art, sotto quali forme la street art si manifesta e quale sia stata l’evoluzione di questo linguaggio artistico dagli anni ’50 a oggi. I partecipanti, divisi in gruppi di lavoro, familiarizzeranno così con le relative tecniche di pittura, come gli stencil e l’uso di bombolette spray, e nel corso dei vari momenti di incontro, sempre virtuale, prenderanno confidenza con le tecniche e gli strumenti di lavoro. Da questi incontri, e dal dialogo attivo con l’artista, svilupperanno diversi percorsi per progettare un’opera, sia essa immaginaria o digitale, che dovrà non solo essere un’espressione artistica, ma anche parlare alla cittadinanza, raccontare una storia e avere una funzione pubblica creativa. A questo terzo appuntamento seguirà il workshop con l’artista svedese Cecilia Jansson, in programma dal 22 al 24 gennaio, che affronterà attraverso il disegno il tema del corpo umano inteso come strumento di misura e limite. Anche questo quarto appuntamento prevede una modalità di partecipazione e svolgimento da remoto, nel caso in cui ci fosse la necessità di cancellare la modalità in presenza. Prendendo spunto dalla riflessione sulle soluzioni che devono essere trovate rispetto alle tante problematiche che la quotidianità ci pone davanti, e rimaner al passo con le sfide contemporanee, tutti i laboratori del ciclo vogliono rappresentare uno strumento per superare i limiti dell’attualità contingente trovando nel dialogo con gli artisti e il confronto con la loro pratica artistica gli strumenti per costruire nuove visioni e processi utili ad affrontare le sfide che ci attendono. La partecipazione è gratuita ed è necessaria l’iscrizione, fino a esaurimento posti. I workshop sono preceduti da una serie di incontri aperti a tutti sulla piattaforma Zoom, per un dialogo diretto con l’artista. Nell’affrontare i temi della contemporaneità attraverso la lente dell’arte, SuperaMenti. Pratiche artistiche per un nuovo presente rientra nella collaborazione, nata nel 2018, tra la Collezione Peggy Guggenheim e ASviS, l’Alleanza ItalHarper’s Bazaar è media partner del progetto. (ph Accursio Graffeo).

Lascia una risposta