AMBIENTE. “GIARDINI APERTI” A VERONETTA

Per la prima volta portoni e cancelli aperti e per due giorni per scoprire i più bei cortili privati di Veronetta. Sabato 25 e domenica 26 maggio, il turismo si colorerà di verde, grazie all’iniziativa “Giardini Aperti”(foto giard.Giusti). Un’occasione per vedere luoghi inaccessibili, per lo più sconosciuti, ma anche spazi che raccontano la storia del quartiere. Giardino Giusti in primis, oltre a cortili di palazzi privati e monasteri, come Casa Nazareth e Congregazione Figlie di Gesù. Sono solo alcuni dei 18 cortili che apriranno al pubblico per l’occasione. “Giardini Aperti” è la prima delle iniziative nate dal tavolo di lavoro per Veronetta. Negli ultimi mesi, infatti, Amministrazione comunale e Giardino Giusti hanno coinvolto vari soggetti per un comune obiettivo: il rilancio turistico del quartiere, con le sue attrattive culturali ma anche con il fascino autentico di uno spaccato fuori dai classici circuiti.Alla presentazione dell’evento sono intervenuti tutti i rappresentanti di istituzioni, enti e realtà private che fanno parte del tavolo per la promozione di Veronetta.
“Vogliamo valorizzare un intero quartiere – ha spiegato l’assessore al turismo – e per farlo è necessario collaborare con tutte le realtà che vivono questa zona di Verona. Dall’Università alle gallerie d’arte, dagli spazi museali ai residenti, dobbiamo saper fare rete creando percorsi turistici alternativi, come stiamo facendo in altri punti della città. Questo sarà solo l’anno zero, la volontà, infatti, è quella di ripetere l’evento ogni anno, allargando sempre di più la platea degli interlocutori”.
“Sarà un’opportunità imperdibile per conoscere una parte della città con una prospettiva diversa – ha detto Maria Giulia da Sacco – e avventurarsi al di fuori dei normali percorsi, grazie anche alla generosità dei proprietari dei giardini che hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa e metteranno a disposizione i loro spazi per un weekend. Ogni cortile sarà aperto e custodito da volontari e ciascun visitatore potrà programmare un itinerario personalizzato”. Info: www.giardiniapertiverona.org.

Lascia una risposta